Attribuzione del medico curante

Attribuzione del medico curante

Attribuzione del medico curante

La scelta e l’attribuzione del medico di base come anche il suo cambiamento sono passaggi a cui dedicare attenzione. Ogni cittadino italiano ha il diritto di scegliere il suo medico e di essere gratuitamente assistito e consigliato sulla salute. Tempus aiuta i suoi clienti nei passaggi burocratici dell’attribuzione del medico di base (o di famiglia) e nel suo cambiamento ove richiesto.

Informazioni necessarie e documenti da allegare

Prima di acquistare il servizio controllare le informazioni e i documenti da allegare.
Formati file consentiti: GIF,JPG,PNG

Immagini



Testo

* Campi Richiesti

Torna al carrello 

35,00 €

Aggiungi al carrello

Ulteriori informazioni

Il medico di base è una figura chiave per la salute di ogni cittadino, perché ha una visione ampia dello stato di salute, può seguirne l’evoluzione, aiuta nella prevenzione, richiede esami specialistici quando necessario, prescrive farmaci e attesta le condizioni di salute.

Chi ha diritto al medico di base: tutti i cittadini italiani, gli equiparati e gli extracomunitari regolarmente soggiornanti. Questi ultimi possono godere dell’assistenza per periodi che vanno da 3 a 12 mesi con proroghe successive.

Chi scegliere: il medico prescelto deve essere convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale. Esistono elenchi dei medici di base forniti dalle Asl. Per la valutazione si ricorre di solito al passaparola con persone di fiducia, ma è opportuno informarsi e valutare anche gli orari e le sedi degli ambulatori.  

Dove scegliere: il medico può essere scelto nel comune di residenza come anche nel domicilio sanitario, se per diversi motivi si permane più di 3 mesi in un comune differente.

Nel caso di pediatri: E’ obbligatorio per bambini fino ai 6 anni il medico di riferimento sia un pediatra; i bambini possono essere gestiti dal pediatra anche fino ai 14 anni. Oltre tale età devono avere un medico di base.

Limiti alla scelta: un medico di base non può avere oltre 1500 pazienti, ma si può usufruire di deroghe se lo stesso medico è stato attribuito ad un congiunto. Anche in assenza di pediatri disponibili per minori di 6 anni può essere fatta una deroga in favore del medico di famiglia.

Cosa occorre per l’attribuzione e il cambiamento: la tessera sanitaria, il nominativo del medico prescelto, i documenti di identità, la delega dell’interessato o nel caso di minori dell’esercente la potestà genitoriale.

2 altri prodotti della stessa categoria:

© Copyright 2014 Agenzia Tempus - P.IVA 05133260876